Con la nuova serie, WikiLeaks renderà pubblici i codici sorgenti dei tool trattati dalla precedente serie di pubblicazioni Vault 7. Il primo leak rivela un certificato falso utilizzato dall’agenzia, che si spacciava per Kaspersky Lab